Cassazione Civ. SS.UU. – Il creditore opposto può proporre nuova domanda nel costituirsi avverso l’opposizione a decreto ingiuntivo solo se l’esigenza nasce dalle difese dell’ingiunto.

La domanda di ingiustificato arricchimento è domanda diversa rispetto a quella di adempimento contrattuale perchè diversi sono i fatti giuridicamente rilevanti, posti a fondamento della domanda e diverso è il bene giuridico perseguito. Ne consegue che, nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo, al creditore opposto è consentita la sua proposizione, soltanto se tale esigenza nasce dalle difese dell’ingiunto-opponente contenute nell’atto di opposizione a decreto ingiuntivo, e purchè la relativa domanda sia proposta – a pena di inammissibilità rilevabile d’ufficio – nella comparsa di costituzione e risposta della parte opposta.

Allegati:

Comments are closed on this post.