Cassazione n. 21245/2010 – Doveri di fedeltà coniugale – infedeltà addebito

La Corte di Cassazione con sentenza n. 21245 ha chiarito che  “la violazione dell’obbligo di fedeltà coniugale, particolarmente grave in quanto di regola rende intollerabile la prosecuzione della convivenza, giustifica ex se l’addebito della separazione al coniuge responsabile, salvo che non risulti che la stessa non abbia avuto incidenza causale nel determinare la crisi coniugale, in quanto già preesisteva un menage solo formale”. Tale gravità sussiste con ancor maggiore preponderanza laddove il coniuge infedele abbia comunicato ad amici comuni la relazione extraconiugale  rendendo intollerabile la convivenza ledendo altresì la dignità dell’altro coniuge.

Comments are closed on this post.